Dietro il design: D&D Drizzt Illustrator, Max Dunbar

Oggi stiamo parlando con Max Dunbar, fumetti e concept artist straordinaria. Max è noto per l'incredibile lavoro che ha svolto sui fumetti di Dungeons & Dragons di IDW Publishing, e ora ha collaborato con Hasbro per dare vita a due personaggi D&D preferiti dai fan in gloriosa scala da 6 pollici: Drizzt Do'urden e i suoi fedeli Compagno Guenhwyvar.

D: Max, raccontaci un po 'della tua storia con Dungeons & Dragons. Eri un giocatore prima di lavorare sulla serie di fumetti?

UN: La mia prima vera esposizione a D&D è tornata nel 2014 quando ho iniziato a lavorare sul fumetto "D&D Legends of Baldur’s Gate". All'epoca non sapevo molto del gioco, ma avevo sempre amato la fantasia come genere, ed ero molto desideroso di lavorare con Jim Zub, quindi ero ansioso di lavorarci. Qualche anno dopo ho finalmente giocato 5e e sono stato agganciato all'istante.

D: Qual è il tuo ricordo più affettuoso di giocare?

UN: La mia cosa preferita di giocare a D&D in generale è l'enorme oscillazione delle emozioni al tavolo che il gruppo può sperimentare nell'arco di poche ore. Non ho mai riso più duramente, né sono stato più teso e preoccupato, o ho paura in un breve periodo di tempo come ho giocato a D&D. Il nostro gruppo ha appena finito la maledizione di Strahd, e ci sono stati alcuni momenti fantastici in cui pensavamo di essere finito, circondato da non morti, ma siamo riusciti a fuggire. Quei momenti sono i migliori.

D: Qual è il personaggio D&D equivalente a Max Dunbar?

UN: Penso che sarei un druido a metà, il bene legittimo. Amo la natura, amo gli animali e penso che i druidi probabilmente vorrebbero sedersi e attirare il loro tempo libero. Penso di essere generalmente una persona felice e gioviale, quindi si adatta a mezzo. Bene legittimo perché ho sempre paura di infrangere le regole.

 

D: Quali sono state alcune delle sfide che hai incontrato con questa particolare opera d'arte? Esiste un approccio diverso per illustrare i fumetti contro l'arte per un prodotto giocattolo?

UN: Penso che la più grande sfida che abbia mai avuto sia cercare di catturare ciò che immagino e metterlo sulla carta. In realtà non funziona mai come l'ho visto nella mia testa, ma cerco di portarlo a un punto in cui ne sono soddisfatto.

Nei fumetti, raramente c'è abbastanza tempo durante il processo per dare all'arte troppo di un secondo sguardo, che può essere una cosa buona e cattiva.

D: Hai uno stile davvero distinto che racchiude i dettagli dei tuoi soggetti. Quali erano alcune delle cose su cui volevi concentrarti con Drizzt e Guenhwyvar o con i mostri sulle carte?

UN: Cerco sempre di ottenere tanto carattere nei volti che disegno, nonché energia nelle pose per cercare di trasmettere il movimento e mantenerlo più eccitante possibile. Drizzt e Guenhwyver sono personaggi così noti e leggendari, con così tanta arte incredibile che li raffigura. Volevo provare a catturare le qualità che la gente ama di quei due.

D: Per aspiranti illustratori là fuori, quali strumenti/software hai usato per creare le opere d'arte?

UN: Faccio un mix di disegno tradizionale con colorazione digitale. Tutto il lavoro di linea è svolto con penne tecniche, la colorazione in Photoshop. Il mio consiglio sarebbe di sperimentare un sacco di materiali diversi per vedere cosa funziona meglio per te e non aver mai paura di provare cose nuove. Potresti imbatterti in un modo di lavorare che rende l'intero processo più facile o più divertente.


D: Dungeons & Dragons è il gioco di ruolo più popolare sul pianeta. Se potessi disegnare qualche marchio Hasbro in un crossover D&D, cosa faresti?

UN: So che c'è stato un po 'di crossover con la magia: il raduno con la guida di Guildmaster a Ravnica, ma penso che sarebbe davvero divertente esplorare ancora di più. Adoro l'arte in MTG, quindi trarre qualsiasi cosa da quell'universo sarebbe incredibile.

D: A quali altri prodotti D&D hai lavorato?

UN: A parte la miniserie iniziale dei fumetti, ho lavorato a "Legends of Baldur’s Gate", sono stato coinvolto in un modo o nell'altro con ciascuna delle 4 miniserie successive con gli stessi personaggi, facendo copertine e/o disegni di personaggi. Con il 5th e l'attuale miniserie del fumetto D&D "Infernal Tides" sono tornato a lavorare sull'arte degli interni e sulle copertine, il che è stato così divertente. L'arco si basa sull'avventura recentemente pubblicata "Baldur’s Gate: Descent in Avernus", su cui ho avuto la fortuna di lavorare con l'equipaggio di WOTC come concept artist. (Che era un sogno diventato realtà)

Molte fantastiche esperienze di D&D negli ultimi anni.

D: Cosa possono aspettarsi i fan di vedere da te dopo?

UN: D&D Infernal Tides è attualmente rilasciato mensilmente nei negozi di fumetti e online, e ho reintegrato con Jim Zub per fare un secondo arco della nostra stella di pietra comica di proprietà del Creatore con il colorista Grundetjern e il letteratore Marshall Dillon, che uscirà entro la fine dell'anno!